Privacy

Dichiarazione sulla protezione dei dati personali
dello Studio Legale Pobitzer

  1. Rapporto di mandato e tutela di dati personali
    L’Anwaltskanzlei Studio Legale Pobitzer (“Studio Legale”) è uno studio legale con sede in Bolzano e Merano che effettua a favore dei propri mandanti assistenza legale in ambito giudiziale e stragiudiziale, e ciò soprattutto in materia civile e, per determinati settori, anche in materia penale, tributaria e amministrativa.

    Lo Studio Legale raccoglie e tratta i dati personali comunque seguendo i principi dettati dalla legislazione europea in materia di protezione dei dati (Regolamento (UE) n. 2016/679, di seguito anche “Regolamento generale sulla protezione dei dati” o “GDPR”), e garantisce l’elaborazione dei dati personali nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone fisiche e della dignità personale con particolare riferimento al segreto professionale, il tutto nei limiti delle disposizioni di legge.

  2. Titolare del trattamento dei dati personali
    Titolare del trattamento dei dati personali è l’Anwaltskanzlei Studio Legale Pobitzer con sede in I-39100 Bolzano (BZ), via Dante 12/4, tel. +39-0471-978575 e telefax +39-0471-970062, indirizzo di posta elettronica: info@pobitzer.it, ZEP: info@pec.pobitzer.it, ed ivi i liberi professionisti associati Hansjörg Pobitzer, Stephan Vale, Alexander Gasser, Alexa Pobitzer, Armin Reinstadler, Marion Brugnara e Arno Kornprobst.

  3. Responsabile della protezione dei dati
    All’interno dello Studio Legale l’Avvocato Stephan Vale assume il ruolo di responsabile della protezione dei dati ed è, come tale, responsabile per il rispetto delle disposizioni del GDPR nonché degli interessi del mandante in ordine ai diritti ed obblighi derivanti dal GDPR. Il mandante ha facoltà di esercitare i suoi diritti derivanti dal GDPR direttamente nei confronti dell’Avvocato Vale, c/o Anwaltskanzlei Studio Legale Pobitzer I-39100 Bolzano (BZ), via Dante 12/4, al numero telefonico +39-0471-978575 o al numero di telefax +39-0471-970062 o per posta elettronica stephan.vale@pobitzer.it o per PEC stephan.vale@pec.pobitzer.it.

  4. Consenso
    Lo Studio Legale raccoglie e tratta i dati personali del mandante in base al suo consenso volontario e liberamente espresso o in base ad una delle fattispecie menzionate in art. 6 GDPR.

    Atteso che consulenze e prestazioni di mandato in generale sono effettuate anche a favore di minorenni, il consenso al trattamento dei dati dovrà essere espresso da tutte le persone che esercitano la potestà genitoriale.

    In seguito l’espressione “mandante” ricomprende sia i minorenni, sia le persone che esercitano la potestà genitoriale.

  5. Finalità e volontà libera di trattamento dei dati personali
    Per l’espletamento delle consulenze e delle prestazioni di mandato in generale lo Studio Legale Pobitzer tratta dati personali di clienti privati, imprese individuali e collaboratori (e, fuori dall’ambito di applicazione del GDPR, anche di società).

    Se il mandante desidera utilizzare i servizi dello Studio Legale Pobitzer, deve fornire alcune informazioni di seguito elencate.

    Il mandante non è obbligato a fornire allo Studio Legale i suoi dati personali. Tuttavia, se il mandante desidera richiedere i rispettivi servizi, deve fornire alcune informazioni personali per l’adempimento concreto e corretto del servizio richiesto.

    In questo contesto lo Studio Legale informa il mandante che in determinati casi è doveroso trattare anche categorie particolari di dati personali (dati sensibili) che rivelano l’origine razziale o etnica (p.e. in materia di cittadinanza e diritto di famiglia), le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche (p.e. in materia di diritti di famiglia), l’appartenenza sindacale (in materia di diritto del lavoro, dichiarazione di successione), dati genetici (p.e. disconoscimento di paternità), dati biometrici (p.e. in casi di responsabilità medica), dati relativi alla salute (p.e. in casi di risarcimento danni, diritto di famiglia), alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona (p.e. in materia di diritto di famiglia, cambio sesso).

  6. Categorie di dati personali rilevati e trattati
    Il tipo di dati personali raccolti e trattati dipende esclusivamente dalla finalità di adempiere il contratto di mandato professionale. Verranno trattati esclusivamente i dati strettamente necessari a tale scopo.

    1. Dati personali generali necessari
      Questi sono:

      1. nome e cognome

      2. data di nascita e luogo di nascita

      3. codice fiscale (e partita IVA in caso di ditte individuali)

      4. indirizzo (sede in caso di ditte individuali)
        Tali dati personali sono assolutamente necessari per l’adempimento dei singoli contratti di mandato professionale, la cui parte contrattuale è la persona interessata (mandante), ovvero sono necessari per poter fornire al mandante misure precontrattuali (offerta) eseguite su richiesta del mandante. Tali dati dovranno inoltre essere indicati sugli atti giudiziari e sulle fatture emesse dallo Studio Legale.

      5. Copia carta d’identità / passaporto
        Tali dati sono necessari per adempiere agli obblighi di riciclaggio imposti dalla legge.

    2. Categorie particolari di dati personali necessari
      In alcuni casi lo Studio Legale dovrà trattare anche categorie particolari di dati personali per poter adempiere ai doveri che scaturiscono dal contratto di mandato professionale e dal codice deontologico per gli avvocati nei confronti del mandante.

    3. Dati facoltativi

      1. Numero di telefono o numero cellulare

      2. Indirizzo e-mail

      3. Indirizzo PEC
        Tali dati non sono necessari ai fini dell’adempimento del contratto di mandato professionale, ma la predisposizione di questi dati (o di alcuni di essi) agevola l’adempimento ad es. del dovere di informazione nei confronti del mandante, l’inoltro di atti, documenti giudiziali, perizie, informazioni sul procedimento, gestione degli appuntamenti.

      4. Dati relativi a assicurazioni r.c., e/o tutela legale e/o sulla vita.
        Tali dati non sono necessari ai fini dell’adempimento del contratto di mandato professionale. Se il mandante vuole attivare tali polizze nell’ambito di un concreto procedimento, è necessario che il mandante inoltri allo Studio Legale le relative polizze e i contatti dell’assicurazione.

  7. Comunicazione dei dati personali a terzi

    1. Comunicazioni necessarie a terzi
      I dati personali del mandante devono, al solo fine dell’adempimento del contratto di servizio, essere comunicati ai seguenti terzi o categorie di terzi:

      1. i. reparti interni dello Studio Legale (p.e. reparto solleciti, contabilità, fatturazione);

      2. enti pubblici ai quali i dati personali vengono comunicati in base ad una prescrizione legale (autorità finanziarie);

      3. commercialisti e tributaristi dello Studio Legale ai fini contabili;

      4. Poste per l’adempimento degli obblighi derivanti dal contratto di servizio professionale (notifiche, spedizione di lettere);

      5. banche per l’adempimento degli obblighi derivanti dal contratto di servizio professionale (flussi finanziari verso e dal mandante);

      6. Agenzia delle Entrate;

      7. assicurazioni e broker del mandante ed i rispettivi incaricati quali periti e liquidatori;

      8. assicurazioni e broker dello Studio Legale ed i rispettivi incaricati quali periti e liquidatori;

      9. comunicazione dei dati ad organismi di mediazione, di composizioni di lite o arbitrati;

      10. comunicazione ad avvocati di controparte;

      11. tecnici informatici dello Studio Legale in merito ai lavori di manutenzione del sistema informatico.

    2. Comunicazioni non necessarie a terzi
      Per un efficace procedimento organizzativo lo Studio Legale si appoggia anche a professionisti esterni. In caso di consenso da parte del mandante i suoi dati personali verranno comunicati alle seguenti persone:

      1. enti pubblici al fine di richiedere documenti necessari all’adempimento del contratto di servizio professionale (p.e. Comuni, Provincia, Ufficio tavolare);

      2. enti privati in qualità di professionisti esterni al fine di richiedere documenti necessari all’adempimento del contratto di servizio professionale;

      3. consulenti tecnici di ufficio o consulenti tecnici di parte.

  8. Trasferimento di dati personali verso Paesi terzi o organizzazioni internazionali
    Qualora ciò non dovesse essere necessario o utile allo svolgimento del rapporto di mandato, i dati personali non saranno trasferiti a destinatari in un Paese terzo o ad un’organizzazione internazionale. In ogni caso lo Studio Legale osserverà per tali trasferimenti la disposizione di cui all’art. 46 del GDPR.

  9. Diritto di accesso
    Il mandante ha diritto di ottenere informazioni in ordine a

    • la derivazione dei dati personali;

    • lo scopo e le modalità di trattamento;

    • il sistema applicato, qualora i dati dovessero essere trattati elettronicamente;

    • i dati più importanti per identificare il titolare del trattamento, il responsabile e il rappresentante di cui ai sensi dell’art. 26, comma 2 GDPR;

    • le persone o le categorie di persone alle quali i dati personali potranno essere comunicati, o i rappresentanti nominati sul territorio dello Stato che potranno averne conoscenza a titolo di responsabili o di incaricati.

    Il mandante potrà esercitare i suoi diritti nei confronti del responsabile per la protezione dei dati di cui al punto 3.

  10. Rifiuto
    Qualora il mandante non dovesse mettere a disposizione i dati personali necessari all’adempimento dell’incarico, o non dovesse metterli a disposizione tempestivamente, lo Studio Legale non potrà adempiere al mandato e non si assumerà alcuna responsabilità derivante dal comportamento del mandante, né nei confronti di quest’ultimo, né nei confronti di terzi.

  11. Durata del trattamento
    I dati personali necessari verranno trattati per la durata di dieci anni, come previsto dall’obbligo legale di conservazione di fatture e corrispondenza in generale.

    I dati personali facoltativi verranno trattati altresì per la durata di dieci anni.

    I termini di durata del trattamento potranno essere prolungati se la conservazione ovvero il trattamento risultassero necessari per tutelare i diritti vantati dallo Studio Legale nei confronti del mandante ovvero per tutelarsi da pretese avanzate dal mandante nei confronti dello Studio Legale.

    Le categorie particolari di dati personali del mandante verranno trattate per la durata di dieci anni. Tale termine corrisponde al termine di prescrizione per eventuali pretese avanzate dal mandante nei confronti dello Studio Legale.

  12. Diritto a rettifica, cancellazione, limitazione al trattamento e opposizione
    Il mandante ha diritto a rettifica o cancellazione dei suoi dati personali o alla limitazione di trattamento da parte dello Studio Legale. Inoltre ha il diritto di opporsi al trattamento. La rispettiva richiesta potrà essere presentata senza formalità alcuna allo Studio Legale.

    Qualora il mandato non possa essere adempiuto a regola d’arte a causa dell’esercizio di uno dei predetti diritti, lo Studio Legale potrà revocare il mandato e chiedere il pagamento dei compensi e delle spese per le prestazioni svolte fino a quel momento. In ogni caso lo Studio Legale non si assumerà alcuna responsabilità derivante dal comportamento del mandante, né nei confronti di quest’ultimo, né nei confronti di terzi.

    Qualora lo Studio Legale dovesse vantare dei crediti nei confronti del mandante derivanti dal rapporto di mandato (p.e. compensi non pagati o non interamente pagati), lo Studio Legale potrà trattare tutti i dati personali del mandante utili al fine di realizzare le predette pretese finché le stesse non saranno completamente soddisfatte.

  13. Diritto di opporre reclamo a un’autorità di controllo
    Il mandante ha diritto di proporre reclamo relativo al rilevamento e al trattamento dei suoi dati personali presso un’autorità di controllo all’uopo nominata dallo Stato italiano (attualmente il Garante per la protezione dei dati personali).

  14. Dati personali non messi a disposizione direttamente dal mandante
    Nel corso del rapporto di mandato lo Studio Legale potrà acquisire la disponibilità di dati personali del mandante senza che gli stessi siano stati messi a disposizione dal mandante stesso. Tali dati saranno comunque rilevati e trattati esclusivamente ai fini di adempiere il rapporto di mandato. Il mandante ha in ogni momento il diritto di ottenere, dal responsabile della protezione dei dati, informazioni in ordine all’origine dei dati stessi.

  15. Consegna di copie
    Il mandante ha diritto ad una copia dei dati personali rilevati e trattati dallo Studio Legale. L’invio delle copie sarà principalmente effettuato in forma elettronica, a meno che il mandante non chieda espressamente una consegna in forma cartacea. In caso di ulteriori copie richieste dal mandante lo Studio Legale potrà addebitare un contributo spese rapportato ai costi.

  16. Diritto a portabilità dei dati
    Il mandante ha il diritto di ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile, i dati personali che lo riguardano e che sono stati forniti allo Studio Legale. Inoltre ha diritto di far trasmettere tali dati ad altra persona da lui indicata, senza alcun impedimento.